"BERTOLI BRUT V.S.Q." METODO CLASSICO FRANCIACORTA

Denominazione: Franciacorta Spumante Docg

Cantina: Az.agricola Bertoli

Regione: Lombardia

€ 19,37
(Vendita in confezioni da 3 bottiglie)

Confezioni da 3 bottiglie

Ideale per essere degustato con antipasti o per accompagnare pesce e carni bianche.

Ottimo anche in chiusura di pasto, assieme a torte e dolci in genere.

Medaglia d'Oro al concorso ?mostra nazionale vini? marzo 2013 con il VSQ Brut 2009

Medaglia d'Oro al concorso ?mostra nazionale vini? aprile 2014 con il VSQ Brut 2010

Grado alcolico %

12,7%

Temperatura di servizio

8/10

Vendemmia

Manuale, solo di grappoli sani e a perfetta maturazione, raccolti in piccole casse forate da 18 kg.

Macerazione

Pressatura pneumatica soffice con rese molto basse (65%). Fermentazione con lieviti selezionati a temperatura controllata di 18 ? 20°C in vasche di acciaio

Fermentazione

Nel mese di maggio successivo alla vendemmia, nelle classiche bottiglie champagnotte. Rifermentazione e presa di spuma a 14 ? 16°C fino a sovrapressione di sei atmosfere.

Affinamento

Minimo 24 mesi sui lieviti in bottiglia, illimpidimento naturale in pupitre e sboccatura almeno 3 mesi prima della commercializzazione

Bottiglia

Champagne Cuvée

Bicchiere

Renano

Colore

Giallo paglierino carico con riflessi dorati

Olfatto

Delicate note di lievito e di pane cotto, unite ad un fruttato molto elegante (mela golden e banana)

Palato

Equilibrato di media persistenza con piacevole retrogusto amarognolo, giustamente acidulo

Caratteristiche

Da bersi a 8 ? 10°C in tradizionali flùte per apprezzare le bollicine o in bicchieri più ampi per risaltare i profumi

Abbinamenti

Classico aperitivo per ogni occasione. Ideale con preparazioni semplici a base di pesce o anche accompagnato a scaglie di Grana.

Siamo un'azienda agricola dedita alla coltivazione dell'uva per la produzione di vini tipici Bergamaschi di qualità: vino Valcalepio DOC, vino Valcalepio DOC riserva, Cabernet e Merlot IGP, ecc..

I nostri vigneti si trovano tutti a Castelli Calepio (Bergamo), godono di ottima esposizione e di un micro clima particolarmente favorevole per la produzione di uva di qualità.

Crediamo nel rispetto dell'ambiente e nella salvaguardia dei metodi tradizionali di coltivazione.

Per questo motivo, a tutela dell'ambiente ed a maggior garanzia dei nostri clienti, pratichiamo la lotta integrata (Misura F).

I numerosi premi e riconoscimenti vinti (come p.es. la medaglia d'Oro al concorso internazionale Emozioni dal Mondo) sono per noi motivo di grande soddisfazione e riconoscimento del nostro costante impegno e lavoro.

Nei nostri vigneti usiamo il metodo di potatura Simonit & Sirch

Questo metodo, che è alla base del successo di numerosi vini famosi nel mondo, si basa su quattro semplici regole: ?Ramificazione?, ?Continuità di Flusso?, ?Tagli e Corone? e per finire ?Legno di Rispetto?

A differenza del passato, questo metodo di coltivazione segue e asseconda, attraverso la potatura, la naturale attitudine della vite alla ramificazione ed alla crescita nel corso del tempo.

I tagli sono ridotti al minimo e fatti solo sui legni di 2 o 3 anni massimo.
Ciò garantisce la continuità del flusso linfatico, e viene accettato il fatto che nel corso degli anni la pianta occupi sempre più spazio con la crescita degli organi perenni.

I tagli di potatura sono fatti dallo stesso lato e in successione, separando così la zona morta, interessata dal disseccamento da quella viva, portatrice del flusso linfatico.

Nel corso del tempo la pianta raggiunge e mantiene equilibrio ed omogeneità vegetativa, che favoriscono la produzione di uve di grande qualità, particolarmente adatte per essere vinificate.

Da sottolineare come oltre alla potatura Invernale, venga anche fatta in Primavera la potatura verde (scelta dei germogli partenti), con cui si eliminano i germogli superflui che la pianta ha prodotto.

Un metodo quindi che necessita di grande lavoro, attenzione, adottato solo da aziende che mettono la qualità al primo posto.

I nostri vigneti si trovano a Castelli Calepio (Bergamo), una delle zone a più alta vocazione Viti Vinicola di tutta la provincia Bergamasca.
Godono di ottima esposizione, di un micro clima particolarmente favorevole e sono quindi indicati per la produzione di uva di qualità.

Poiché crediamo nel rispetto dell'ambiente e nella salvaguardia dei metodi tradizionali di coltivazione, dedichiamo tempo e risorse al recupero e valorizzazione di antiche varietà (come p.es l'Uva Franconia) ed utilizziamo metodi di coltivazione rispettosi dell'ambiente, una risorsa delicata ed insostituibile per tutti noi.

Per questo motivo, a tutela dell'ambiente ed a maggior garanzia dei nostri clienti, pratichiamo la lotta integrata (Misura F).

Per aumentare la qualità delle uve raccolte, eseguiamo manualmente: diradamento, defoliazione e cimatura.

La produzione di uva viene quindi volontariamente limitata, a tutto vantaggio della qualità.

Terroir: area ben delimitata dove le condizioni naturali, fisiche e chimiche, la zona geografica ed il clima permettono la realizzazione di un vino specifico e identificabile con le caratteristiche uniche della propria territorialità.

Le caratteristiche del terreno, il clima e le pratiche agronomiche ed enologiche utilizzate, sono tutti elementi che conferiscono ai vini delle peculiarità particolari e li rendono diversi da territorio a territorio, da azienda ad azienda.

Le tipologie di vino di nostra produzione presentano quindi ed in un certo senso, caratteristiche organolettiche uniche ed inconfondibili, che dipendono dal particolare micro clima di Castelli Calepio, dai vitigni e dai metodi di coltivazione e produzione utilizzati: naturali e rispettosi dell'ambiente.

Pochi sanno che i terreni più vocati alla produzione Vitivinicola in provincia di Bergamo possono essere suddivisi in sette grandi macro aree, dette ?Sette Terre della Bergamasca?, ciascuna caratterizzata da un particolare tipo di terreno e microclima.

Le principali formazioni geologiche presenti nelle sette terre della zona collinare Bergamasca sono: il Selcifero Lombardo, la Maiolica di Bruntino, il Sass de Luna tipico (o Pietra di Luna) e il Sass de Luna calcareo, le torbiditi sottili, le Peliti nere superiori, le Peliti rosse, Flish di Pontida, Arenaria di Sarnico, Pietra di Credaro (che caratterizza i nostri Vigneti), Flish di Bergamo, Frangipan e terreni alluvionali.

A loro volta, queste formazioni sono generalmente raggruppate in sette categorie o sette terre principali: Maiolica, Marna di Bruntino, ?Volpinite, Sass de Luna, Arenaria, Flysch e Torbiditi.

Dalle rocce madri hanno avuto origine i terreni che sono prevalentemente di tipo eluviale, ossia terreni che si sono formati e sono rimasti sulla roccia da cui provengono, mantenendo in buona parte le caratteristiche minerali; fatta eccezione di alcune zone di origine alluvionale sulle sponde dell'Oglio e nella zona di Chiuduno.

Mentre nell'area collinare a nord-ovest di Bergamo prevalgano terreni di tipo scisto-argilloso, lungo la fascia collinare ad oriente (fino la lago di Iseo) si susseguono formazioni con prevalenti caratteristiche argillo-calcaree.

Per quanto riguarda il clima, fattore importantissimo nella produzione viti vinicola,l'area Bergamasca presenta tre aree climatiche principali: Collina Occidentale, Collina Orientale e area di Trescore Balneario (valle).

Da notare che le aree geografiche di riferimento includono i quasi 100 km di fascia collinare Bergamasca: Villa d'Alme, Torre de Roveri, da Sotto il Monte a Costa Volpino, Cenate Sotto, Cenate Sopra e Grumello del Monte.